Consegna gratis da 90€
0articolo(i)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Siri, ecco come ritrovare l’auto parcheggiata

siri-ritrova-autoParcheggiare l’auto, talvolta, può essere davvero un’impresa, specie durante le festività natalizie. Non è raro, infatti, che pur di “risolvere il problema” si sia disposti a lasciare l’auto a diverse centinaia di metri dalla propria destinazione. Tuttavia, un po’ per la fretta, un po’ per distrazione, può accadere di non ricordare con esattezza il luogo del parcheggio, alimentando ansia e frustrazione.  

E’ proprio in queste circostanze che può essere determinante l’utilizzo di una funzione “nascosta” sin da iOS 10. Infatti, grazie all’aiuto dell’assistente vocale Siri, è possibile localizzare il proprio veicolo semplicemente utilizzando la propria voce. La funzione è davvero molto intuitiva: una volta parcheggiata l’auto, basterà chiedere a Siri di ricordare il luogo in cui è stata lasciata (ad esempio dicendo: “Siri, ricorda dove ho parcheggiato”). In questo modo, l’assistente vocale registrerà le coordinate GPS del parcheggio e sarà sufficiente domandare “dov’è l’auto” (o in alternativa “dove ho parcheggiato”) per ottenere le indicazioni esatte attraverso l’app Mappe.

Tale funzionalità, è disponibile soltanto su iPhone, mentre non è possibile utilizzarla su iPad o iPod touch (probabilmente a causa dell’assenza del modulo GPS sui modelli dotati del solo WiFi). Una volta ritrovata l’auto, può essere chiesto a Siri di dimenticare la posizione della stessa, così da poter utilizzare nuovamente la funzione per un successivo parcheggio.  

Infine, per tutte le auto compatibili con il sistema CarPlay, la localizzazione dell’auto può avvenire in maniera automatica. Basterà, infatti, abbinare il proprio iPhone al veicolo, e, dalle impostazione di iOS, navigare nel menù Mappe per attivare la funzione “Mostra posizione parcheggio”. In questo modo, sempre utilizzando l’app Mappe, sarà possibile localizzare automaticamente l’automobile e non rischiare di “vagare” per la tua ricerca.